Home » Mondo » Pensa alla salute!…Ops!

Pensa alla salute!…Ops!

L’Italia secondo la classifica Bloomberg Global Health Index è il paese più sano al mondo. Per una volta (a nostra insaputa) primeggiamo in qualcosa di buono. Allora è giusto atteggiarsi, ogni tanto, no? Merito, scrivono gli esperti, della dieta mediterranea a base di verdure e olio extra vergine, merito anche dei medici “in eccesso” che ci sono (quindi può capitare anche che si vadano a fare una partitella a tennis durante gli orari di lavoro, tanto siamo a posto), merito dell’ambiente, del clima.

La nostra resistenza è alimentata anche dagli influssi positivi di agenti esterni, perché come giustamente fanno notare, la serie tv più vista di sempre nel nostro paese è “Un medico in famiglia” (qualcosa vorrà pur dire eh!).

Un bambino nato in Italia (oltre ad essere di per sé una notizia, dato che non si fanno più figli) ha una aspettativa di vita di un ottuagenario. In classifica precediamo l’Islanda, la Svizzera, la Spagna, l’Australia, Singapore.

Ebbene, difronte a questo dato, tutto sembra più relativo. D’altronde, quando c’è la salute c’è tutto.

Non trovi lavoro? Pensa alla salute! Non hai soldi per comprarti una macchina? Pensa alla salute! Non puoi permetterti di mandare i tuoi figli all’università? Pensa alla salute! Hai il mutuo da pagare? Pensa alla salute!

Bruciano le ecoballe nella megadiscarica della tua città? Pensa alla salute!…Ops! Sotterrano i rifiuti nelle campagne coltivate? Pensa alla salute!…Ops! L’acqua del tuo rubinetto non è più potabile? Pensa alla salute!…Ops!

Maledizione. Sarebbe superfantastico leggere qualche dato regionale. Tanto per capire se ad Aosta se la passano come a Giugliano.

Aggiungi un commento!

Mirco Sirignano

Responsabile Blogger per Italianews24.net. Collaboratore giornalistico Freelance e fondatore dell'Associazione Civico97, che si occupa di anticorruzione, beni confiscati e trasparenza nella pubblica amministrazione. Mi sono laureato alla Federico II in Scienze della Pubblica Amministrazione e ho frequentato all'Università di Pisa il Master in Analisi, Prevenzione e Contrasto della criminalità organizzata e della corruzione, collaborando anche con la campagna Riparte il Futuro.