Home » Mondo » V per Verità. Trump, Assad, Onu e “gombloddi”

V per Verità. Trump, Assad, Onu e “gombloddi”

Senza fare filosofia, quello che abbiamo letto e riletto in questi giorni è di una tristezza infinita. Le armi chimiche utilizzate contro i civili siriani, che hanno causato la morte (atroce) di 80 persone tra cui 30 bambini, hanno sconvolto il mondo. Ma è stato davvero Assad? O meglio, le armi erano sue? Ecco la domandona da un milione di missili, che qualcuno non ci ha risparmiato.

Non sono un esperto di relazioni internazionali, come tutti coloro che stanno pontificando ovunque, sui social, la propria “vera verità” sulle ragioni dell’attacco di questa notte di Trump alla Siria. Questa Verità, con la V maiuscola, ovviamente si regge sulla legge matematica del complottismo, per cui è tutto falso quello che ci dicono (proprio perché ce lo dicono). Mentre quello che non ci dicono, ovvero la Verità, la deduciamo o rimpastiamo le deduzioni altrui che più ci ispirano. La dietrologia ci appaga, ci fa sentire più intelligenti (volevate fregarmi, ma Io So). Ma se anche a pensar male non si sbaglia mai (altra legge matematica), l’esercizio intellettuale, parafrasando Nino Frassica, è onesto al 70% e disonesto all’80%. Passo e chiudo, su questo punto. Perché è noiosissimo.

Trump ha bombardato stanotte la Siria. Come giusta reazione, dice. La Siria ha violato tutti gli accordi internazionali. E’ un paese in guerra da sei anni, quello di Assad. L’ONU sta a guardare, è lenta, inefficace. Ma tutti, proprio tutti, non perdono occasione per farle una pernacchia. Come ha fatto anche Trump, stanotte.

Se veramente pensassimo che bombardare i paesi ritenuti ostili serva davvero a qualcosa, allora vuol dire che non abbiamo imparato nulla dalla storia (anche recente). L’escalation è dietro l’angolo.

 

Aggiungi un commento!

Mirco Sirignano

Responsabile Blogger per Italianews24.net. Collaboratore giornalistico Freelance e fondatore dell'Associazione Civico97, che si occupa di anticorruzione, beni confiscati e trasparenza nella pubblica amministrazione. Mi sono laureato alla Federico II in Scienze della Pubblica Amministrazione e ho frequentato all'Università di Pisa il Master in Analisi, Prevenzione e Contrasto della criminalità organizzata e della corruzione, collaborando anche con la campagna Riparte il Futuro.